Pesto di carciofi e mandorle a filetti

Ingredienti per 4 persone:
250 g di cuori di carciofi surgelati
50 g di mandorle a filetti
50 g di Parmigiano Reggiano
40 ml di vino bianco secco
1 spicchio di aglio
5 + 2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaino di menta
sale e pepe

Esecuzione:
In una pentola di acqua bollente lessare i cuori di carciofo ancora surgelati per 6/8 minuti poi scolarli e tagliarli a fette.
In una casseruola rosolare senza farlo bruciare lo spicchio di aglio in 5 cucchiai di olio evo; unire i carciofi, salare leggermente e cuocere a fuoco vivace per 3 minuti.
Togliere lo spicchio di aglio, sfumare con il vino, incoperchiare e proseguire la cottura per altri 10 minuti.
Spegnere il fuoco, lasciare intiepidire i carciofi, tenerne da parte alcuni per guarnire i piatti e trasferire i rimanenti nel mixer. Frullarli insieme al Parmigiano grattugiato, ai rimanenti 2 cucchiai di olio evo e alla menta. Pepare ed aggiustare di sale.
Tostare per qualche minuti i filetti di mandorla in una padella antiaderente.
Cuocere la pasta prescelta, condirla con il pesto e guarnire i piatti con i filetti di mandorla e le fettine di carciofi tenute da parte.

NOTA: volendo utilizzare i carciofi freschi occorre eliminare le foglie esterne più dure, le punte ed i gambi, tagliarli a fettine eliminando l’eventuale fieno interno poi metterli a bagno per alcuni minuti in acqua fredda acidulata con limone per evitare l’annerimento.
Eseguita questa operazione si procede come sopra.

Pasta carciofi e noci

Il carciofo, pianta tipicamente mediterranea, deve il suo nome scientifico “Cynara scolymus” ad un antico mito greco.
Cinara era una ninfa bellissima di cui si innamorò Zeus. Era però così capricciosa che il padre degli dei, esasperato, la tramutò in un ortaggio verde come i suoi occhi, spinoso per ricordare le pene amorose a lui inflitte, ma con un cuore tenero e dolce in ricordo del loro amore: il carciofo.
Dalle innumerevoli proprietà, questo ortaggio si presta sia ad essere mangiato crudo quando è tenero e giovane, sia alla preparazione di svariate ricette.

Ingredienti per 4 persone:
5 carciofi freschi (in alternativa 200 g in spicchi surgelati)
70 g di gherigli di noci
Mollica di pane quanto un uovo
latte q.b.
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di vino bianco secco
olio evo q.b.
qualche fogliolina di menta
sale, pepe, un po’ di noce moscata
2 cucchiai di Parmigiani grattugiato
1 limone (se si usano carciofi freschi)

Esecuzione:
Schiacciare le noci tenendo da parte alcuni gherigli divisi in 4 per guarnire i piatti.
Se si usano i carciofi freschi mondarli, spuntarli abbondantemente, tagliarli a fette sottili ed immergerli in una bacinella con acqua e limone per evitare che anneriscano.
Sgocciolarli e stufarli in un tegame con 2 cucchiai di olio evo, lo spicchio di aglio, il vino, un po’ di acqua, sale e pepe.
I carciofi surgelati vanno stufati nella stessa maniera.
Lasciarli intiepidire, togliere l’aglio poi frullarli con i gherigli di noce, il pane dopo averlo ammollato nel latte, le foglioline di menta, il Parmigiano grattugiato, la noce moscata.
Aggiustare di sale e pepe, aggiungere un po’ di olio ed un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta se il composto risulta troppo duro, condire e guarnire i piatti con i gherigli tenuti da parte.