Biscotti con cocco rapè

biscotti cocco foto

Questi biscotti sono facili e veloci da preparare e possono tornare utili nel caso occorra preparare dei dolci per ospiti inattesi. Inoltre l’assenza di prodotti di origine animale li rende adatti anche ai vegani. Il cocco rapè usato in questa ricetta si differenzia dalla farina perché è costituito dalla polpa del frutto grattugiata quindi ha un aspetto più grossolano della farina che si presenta più fine ed uniforme.

Ingredienti per 25/30 biscotti:
225 g di farina 00
75 g di cocco rapè
75 g di olio di semi di mais
100 ml di acqua
75 g di zucchero semolato
12 g di lievito per dolci
un pizzico di sale

Esecuzione:
Setacciare insieme la farina ed il lievito in una ciotola capiente, aggiungere il cocco rapè e lo zucchero.
Miscelare gli ingredienti con una spatola di silicone, poi fare un incavo al centro e versare l’acqua, l’olio di semi di mais e da ultimo il pizzico di sale
Impastare con la spatola fino a rendere il composto omogeneo.
Tenere vicino una ciotola di acqua in cui inumidire le mani, poi con un cucchiaio prelevare un po’ di impasto e formare delle palline da posizionare su una teglia rivestita di carta da forno tenendole distanziate tra loro perché nel cuocere si appiattiscono un po’ allargandosi.
Cuocere i biscotti in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti.
Spegnere il forno quando i biscotti risultano ancora un po’ teneri al tatto perché induriranno nel raffreddarsi sulla gratella.
In un barattolo di vetro o comunque in un contenitore che li preservi dall’aria si mantengono per 4 o 5 giorni.

Annunci

Arrosto di vitello con verdure

arrosto vitello foto

Questo arrosto si presta ad essere gustato sia caldo sia freddo, quindi è adatto ad essere consumato anche in estate.
In quest’ultimo caso si può preparare con un giorno di anticipo lasciarlo avvolto in un foglio di alluminio ed affettarlo poco prima di servirlo.

Ingredienti per 4 persone:
800 g di reale di vitello
2 coste di sedano
2 carote
2 spicchi di aglio
1 piccola cipolla
1 bicchiere di vino bianco secco
brodo vegetale o di carne q.b.
6 cucchiai di olio evo
sale e pepe di mulinello

Esecuzione:
Lavare ed asciugare le coste di sedano, privarle delle foglie e delle nervature poi tagliarle a pezzetti. Spellare la cipolla ed affettarla finemente. Raschiare, lavare le carote e tagliarle a rondelle.
Scaldare l’olio in una casseruola insieme agli spicchi di aglio privati della pelle, porvi il vitello, salare, pepare e rosolare per 4 o 5 minuti rigirandolo per colorirlo uniformemente così da sigillare la carne e mantenere i succhi all’interno.
Bagnare con il vino, lasciarlo evaporare poi aggiungere le verdure, incoperchiare e portare a cottura aggiungendo all’occorrenza un po’ di brodo. Occorreranno circa 40 minuti.
Togliere l’arrosto dalla casseruola ed avvolgerlo in  alluminio così che le fibre muscolari, contratte durante la cottura, si distendano e la carne diventi più morbida e saporita.

salsa arrosto foto

Prelevare dalla casseruola una parte delle verdure ed il sugo e frullarli insieme per ottenere una salsina da servire a parte.
Togliere la legatura dall’arrosto, affettarlo sottilmente, trasferirlo nel piatto da portata, disporvi attorno le verdure rimaste, irrorarlo con parte della salsina e servire.

Spuntature di maiale con patate

spuntature maiale foto

Il loro nome ufficiale è costine, ma non a Bologna, qui noi le chiamiamo spuntature o, in alcuni casi costolette.
Non è certamente un piatto raffinato e tanto meno dietetico,ma assai gustoso e, una volta tanto, si può anche accontentare la gola, tanto più che in cottura le spuntature perdono una parte del loro grasso. Inoltre, cosa da non sottovalutare, il loro prezzo è contenuto e, con l’aggiunta delle patate, possono diventare un pranzo completo.

Ingredienti per 4 persone:
1 Kg di spuntature di maiale
1 Kg di patate
4 cucchiai di olio evo (in alternativa olio di arachidi)
2 spicchi di aglio
salamoia bolognese (in alternativa sale, pepe, aghetti di rosmarino)

Esecuzione:
Lavare, asciugare, sbucciare e tagliare a tocchetti non troppo piccoli le patate, disporle in un unico strato in una teglia dai bordi alti rivestita di carta da forno, cospargerle con la salamoia ed irrorarle con l’olio. Aggiungere gli spicchi di aglio privati della pelle.
Insaporire anche le spuntature con la salamoia e disporle sopra le patate.
Infornare a 180° e cuocere per 30 – 40 minuti controllando che la carne non si abbrustolisca troppo.

Farfalla ad ali spiegate Torta compleanno

Per il compleanno dei miei famigliari mi piace preparare da me la torta, non posso e non voglio presentare sempre il classico dolce rotondo, quindi devo dare sfogo alla fantasia per creare sempre qualcosa di nuovo. Questa volta ho deciso di realizzare una farfalla.
Preparare la base della torta è stato facile in quanto ho usato una teglia da ciambella, non così ricoprirla e decorarla perché, non avendo dimestichezza con la pasta di zucchero, che in questo momento va per la maggiore, ho dovuto optare per una crema e non è stato facile ottenere una superficie uniformemente liscia.

foto farfalla

Ingredienti per una tortiera di 24 cm:
150 g di farina 00
40 g di fecola
120 g di zucchero semolato
3 uova
100 ml di latte
50 ml di olio di semi di mais
1 bustina di lievito per torte
Per farcire:
crema di nocciole e cacao Solidal
Rum per la bagna
Per ricoprire:
180 g di formaggio spalmabile (in alternativa mascarpone)
2 confezioni di panna vegetale zuccherata da 200 g
100 g di zucchero a velo
3 cucchiaini di caffè solubile
Canditi e confetti colorati

Esecuzione:
Montare le uova con lo zucchero sino a renderle bianche e spumose.
Sempre con le fruste in movimento aggiungere poco alla volta l’olio di semi, poi il latte, infine la farina e la fecola setacciate con il lievito.
Versare il composto in una tortiera con il buco centrale unta con il burro ed infarinata.
Cuocere per circa 30 minuti ad una temperatura non superiore a 170° per evitare che la torta cuocendo si sollevi in modo non uniforme.
Lasciarla raffreddare completamente prima di tagliarla per ottenere la forma della farfalla.

base farfalla foto

Farcitura:
Dividere verticalmente in due parti la torta, togliere un piccolo pezzo per fare la testa della farfalla, accostare i due lati curvi, poi tagliarla in orizzontale, utilizzando un pennello bagnare con il Rum eventualmente diluito con un po’ di acqua, spalmare la crema di nocciole e cacao lasciando un bordo di ½ cm., infine ricomporla.
Copertura:
Sciogliere il caffè solubile in un bicchierino di panna.
In una ciotola lavorare un po’ il formaggio spalmabile poi aggiungere gli altri ingredienti e far funzionare le fruste sino ad ottenere un composto ben amalgamato con cui spalmare la superficie e il bordo della torta.
Guarnire la superficie con canditi e confetti colorati.

La neve nel bicchiere

neve bicchiere foto

Nevica, dalla finestra osservo i fiocchi di neve cadere sugli arbusti del giardino ricoprendoli. In lontananza si intravvede il colle della Croara che, ormai ricoperto dalla bianca coltre, mi fa pensare ad una poesia del poeta dialettale bolognese Luciano Atti intitolata “Naiv ala Cruèra” “Neve alla Croara”.
So di averla conservata, la cerco, la leggo, mi soffermo sull’ultima strofa, è in bolognese, la traduco:

Mé a vói bän ala mi naiv                      Io voglio bene alla mia neve
e prémma ed sîra                                  e prima di questa sera
a m rinpirò un bichîr                           mi riempirò un bicchiere
e a m farò un żlè,                                  e mi farò un gelato,
come da cínno, quand                         come da bambino, quando
a n avêva brîṡa dû góbbi                     non avevo due spiccioli
par cunprèrmen una paniréṅna.      per comperarmi un cestino.

Un ricordo si affaccia alla mia mente: zia Caterina, la sorella di papà, che, munita di cucchiaio, aperta la finestra, raccoglieva dal davanzale un po’ di neve pulita, la poneva in un bicchiere, vi versava sopra un’abbondante cucchiaiata di vino rosso e me la dava da mangiare, rigorosamente di nascosto dalla mamma che non apprezzava questo “gelato” d’altri tempi e soprattutto non voleva che mi si desse del vino.
Era il nostro piccolo segreto.
Apro la finestra, metto un po’ di neve nel bicchiere, verso un po’ di vino rosso, assaggio…  il tempo della neve nel bicchiere è ormai passato.

Risotto melanzane e zucchine

risotto melanzane zucchini

Ingredienti per 4 persone:

300 g di riso
1 zucchina
1 melanzana piccola
1 piccola cipolla
2 cucchiai di passata di pomodoro (facoltativo)
6 cucchiai di parmigiano
3 cucchiai di olio evo
5 foglioline di basilico
sale e pepe
noce moscata
curcuma (facoltativo)
1,5 l di brodo vegetale

Esecuzione:

Lavare e spuntare la melanzana e la zucchina, poi tagliarle a cubetti.
Tritare la cipolla e soffriggerla brevemente in tegame con l’olio.
Unire le verdure e cuocere per una decina di minuti, aggiungere il riso, farlo insaporire per qualche minuto poi versare una parte del brodo e procedere come per il risotto.
A metà cottura salare, pepare, aggiungere la curcuma, la noce moscata e, volendo, la passata di pomodoro.
Portare il risotto a cottura e, prima di servire, aggiungere il parmigiano e le foglioline di basilico spezzettate.

Crostata di patate americane e ricotta

torta patate americane

Ingredienti per una teglia di 24 cm.:

Per la pasta frolla:
300 g. di farina 00
150 g. di zucchero semolato
150 g. di burro
1 uovo + un tuorlo
1 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale.

Per la crema:
300 g. di patate americane lessate e ridotte in purea
250 g. di ricotta
150 g. di zucchero semolato
1 uovo
50 g. di uvetta (facoltativa)
un pizzico di sale.

Esecuzione:
Preparare la pasta frolla setacciando la farina con il lievito poi sabbiandola nella planetaria, frusta a foglia, velocità 2, insieme allo zucchero, al sale, e al burro sino a ridurre il tutto in grosse briciole.
Aggiungere le uova e, appena la pasta è ben amalgamata, estrarla dal recipiente, formare una palla, avvolgerla in pellicola e porla a riposare in frigo per almeno 30 minuti.
Nel frattempo porre nel mixer (lama di acciaio) lo zucchero, la ricotta, il sale, la purea di patate e fare andare a velocità 3. Aggiungere attraverso il foro sul coperchio l’uovo ed infine l’uvetta dopo averla ammollata per una decina di minuti.
Foderare con la pasta frolla, tenendone da parte un po’ per la guarnizione, una tortiera unta con burro o rivestita di carta forno. Versare il ripieno pareggiandolo bene, poi, con la rimanente pasta decorare la superficie.
Mettere in forno preriscaldato a 180° e cuocere per 50 – 60 minuti.
Sfornare ed aspettare che si raffreddi prima di toglierla dalla teglia perché, se calda, potrebbe rompersi.