Tegamini dolci – Quando la golosità aguzza l’ingegno

tegamini foto

Ecco qua un altro dolce al cucchiaio inventato per utilizzare alcune rimanenze di precedenti preparazioni, come suol dirsi “un vuota dispensa”.

Ingredienti per 3 o 4 persone:
150 g di ricotta vaccina
30 g di zucchero a velo
3 cucchiai di uvetta
200 ml di panna
2 cucchiaini di cacao più quello per spolverizzare
8 savoiardi
Alchermes

Esecuzione:
Mescolare la ricotta con lo zucchero a velo sino a rendere il composto cremoso. Sempre mescolando aggiungere l’uvetta precedentemente ammollata in acqua e strizzata.
Montare, dopo averla conservata per almeno 2 ore in frigorifero, la panna con le fruste elettriche (non avevo quella fresca per ciò ho usato quella a lunga conservazione per dolci).
Versare nella ciotola della ricotta 2/3 della panna, il cacao preventivamente passato attraverso un colino a maglie fitte e, con movimenti lenti dall’alto verso il basso rendere il composto omogeneo.
Distribuire sul fondo delle ciotole prescelte i savoiardi, inumidirli con un po’ di alchermes su cui andrà disposto il composto di ricotta cacao e panna.
Terminare guarnendo con la panna rimanente, spolverizzare con un po’ di cacao passato attraverso un colino e conservare in frigorifero sino al momento di servire.

Crostata alla borragine con frolla al vino e semi vari

crostata borragine foto

Ingredienti per una teglia da 18 cm.:
Per la frolla:
200 g di farina 00
50 ml di olio evo
60 ml di vino bianco secco
2,50 g di lievito per torte salate
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di semi di sesamo
1 cucchiaio di semi di lino
1 cucchiaio di semi di papavero
Per il ripieno:
50 g di borragine
100 g di ricotta vaccina
80 g di formaggio molle
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano
1 uovo
1 cucchiaino di olio evo all’aglio
1 cucchiaio di mandorle + alcune per decorare
mollica di pane quanto un uovo
sale, pepe e noce moscata.

Esecuzione:
In una terrina setacciare la farina con il lievito, aggiungere i liquidi poi tutti gli altri ingredienti assemblando il tutto sino ad ottenere un impasto che possa essere steso con il mattarello.
Pulire la borragine togliendo la costa centrale alle foglie grandi poi bollirla per 5 minuti in poca acqua. Lasciarla raffreddare poi scolarla, strizzarla, metterla nel mixer insieme a tutti gli altri ingredienti e frullare sino ad ottenere un composto ben amalgamato.
Rivestire con carta da forno una teglia, disporvi la frolla dopo averla stesa con il mattarello,
versare il ripieno livellandolo con cura e disporvi sopra le mandorle tenute da parte e tagliate a filetto.
Infornare a 180° per circa 45 minuti. Servire la crostata fredda o appena tiepida.

Il mio estratto di vaniglia per dolci

La vaniglia in pasticceria si usa in tantissime preparazioni, ma quella che si acquista in bustine è un prodotto chimico, perciò preferisco produrre l’aroma con un metodo casalingo semplice anche se non economico dato l’alto costo dei baccelli.
A dire il vero “l’investimento” iniziale viene ripagato dalla poca quantità di estratto che si utilizza per ogni singola preparazione quindi dalla durata.
L’utilizzo della vodka permette una maggiore rapidità nella preparazione poiché, avendo una gradazione inferiore all’alcool per liquori, non occorre diluirla con uno sciroppo di acqua e zucchero.

estratto vaniglia foto

Ingredienti:
30 g di baccelli di vaniglia Bourbon
250 ml di vodka a 40°

Esecuzione:
Con un coltello affilato o un taglierino incidere longitudinalmente i baccelli per permettere l’uscita dei semini durante la macerazione poi tagliarli a pezzetti.
Metterli insieme alla vodka in una bottiglia o in un vaso di vetro a chiusura ermetica, agitare e porre il tutto a riposare in un luogo fresco e buio eventualmente rivestendo il contenitore con carta stagnola.
Per i primi 15 giorni occorre agitare quotidianamente il contenitore, poi basta una volta alla settimana.
Devono trascorrere almeno 3 mesi perché l’estratto sia pronto per essere usato, ma, per esperienza, consiglio di lasciarlo più a lungo per farlo divenire più aromatico.
Poiché si mantiene a lungo senza problemi, una volta pronto, mi limito a prelevarne una piccola quantità versandola in una boccettina di vetro scuro lasciando il rimanente in infusione nei baccelli.
Ne basta un cucchiaino per aromatizzare un dolce o una crema perché è molto concentrato.
I baccelli, esaurito l’estratto, si possono riutilizzare nella preparazione delle creme o, dopo averli essiccati, nel barattolo dello zucchero a velo.

Plumcake alla ricotta con canditi e uvetta

plum cake canditi uvetta foto

Della serie “nulla si butta, tutto si ricicla” ecco un dolce in cui ho utilizzato i canditi e l’uvetta rimasti dai dolci natalizi.

Ingredienti:
250 g di ricotta vaccina
250 g di farina 00
150 g di zucchero semolato
2 uova medie
50 g di uvetta sultanina
50 g di canditi misti a cubetti
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale

Esecuzione:
Mettere a bagno l’uvetta in acqua o nel liquore preferito per farla rinvenire.
Nella planetaria montare la ricotta con lo zucchero ed il pizzico di sale, poi, senza fermarla, aggiungere le uova una alla volta.
Versare nella crema l’uvetta sgocciolata se ammollata nell’acqua, i cubetti di candito ed infine la farina dopo averla setacciata con il lievito.
Deve risultare un composto sodo ma ben amalgamato che andrà versato nello stampo precedentemente imburrato ed infarinato o trattato con lo staccante.
Infornare a 180° per circa 50 minuti.

Seitan e zucchine per un primo vegetariano

 

seitan e zucchine primo foto

Ingredienti per 4 persone:
200 g di seitan
200 g di zucchine scure
½ cipolla
5 cucchiai di olio evo
2 cucchiai di passata di pomodoro
1 rametto di timo limone
Sale e pepe
4 cucchiai di Parmigiano

Esecuzione:
Affettare sottilmente la cipolla e metterla a soffriggere in padella con 4 cucchiai di olio evo.
Lavare, asciugare, spuntare e tagliare a rondelle le zucchine e aggiungerle nella padella insieme al timo limone,il sale, il pepe facendole rosolare prima di versare la passata di pomodoro.
Dopo un paio di minuti togliere le verdure, tenerle al caldo in una ciotola e, senza lavare la padella, ungerla con il restante cucchiaio di olio e rosolare il seitan dopo averlo tagliato a dadini. Rimettere le verdure, proseguire la cottura per un paio di minuti, spegnere, condire la pasta, porla nei piatti e completare con il Parmigiano.

Gli “svanzugli” – Gli avanzi di cibo

“I svanzói tåccan sänper a me” Ripeteva sempre mia madre quando a tavola comparivano cibi rimasti da un precedente pasto soprattutto se preparato dalla cognata. Non era vero perché in famiglia si condivideva tutto, quindi anche gli avanzi a meno che qualcuno non si offrisse spontaneamente di consumarli. A lei piaceva lamentarsi e tutti la lasciavano dire.
Negli ultimi mesi della Prima Elementare la maestra ci assegnava spesso come compito la composizione di qualche pensierino. Esauriti i vari “la mia mamma è bella, è buona” ecc… non sapendo cosa scrivere, ricordandomi delle lamentele materne vergai in bella calligrafia: “La mia mamma mangia sempre gli svanzugli”.
La maestra, di origine trentina, non capì di quale gustoso piatto si trattasse e chiese spiegazione alla mamma.
Nel corso degli anni ci abbiamo riso sopra tante volte, ma quel giorno scoppiò una piccola bufera domestica. Ma che colpa avevo io se sentivo spesso questa “litania”?!
Questo episodio mi sovviene alla mente e mi strappa un sorriso ogni volta che mi dedico “all’arte” del riciclo come quando ho preparato queste coppette riutilizzando rimanenze di precedenti preparazioni.

Sopra ad un biscotto inumidito con alchermes ho messo un composto di panna e mascarpone e una abbondante cucchiaiata di crema spalmabile alle nocciole, ingredienti rimasti da una torta di compleanno. Su tutto ho sbriciolato un amaretto.
Più semplice ed economico di così!…

svanzugli 1 foto

Pasta piselli noci e panna

panna piselli noci foto

Ecco qui un altro condimento abbastanza veloce da preparare e che torna utile quando si rientra in ritardo e manca il tempo per cucinare qualcosa di più complicato.

Ingredienti per 4 persone:
240 g di piselli precotti a vapore
100 ml di panna da cucina
½ cipolla piccola
5 gherigli di noce
2 cucchiai di olio evo
1 cucchiaio colmo di Parmigiano
1 tazzina di brodo vegetale
Sale, pepe, noce moscata
un po’ di acqua di cottura della pasta se occorre

Esecuzione:
Tritare finemente la cipolla e rosolarla in una padella insieme all’olio evo.
Aggiungere i 2/3 dei piselli, una tazzina di brodo vegetale, salare, pepare e cuocere per una decina di minuti.
Nel frattempo frullare i restanti piselli con la panna, il Parmigiano e un pizzico di noce moscata grattugiata.
Cuocere la pasta prescelta.
Versare la crema ottenuta nella padella, lasciarla scaldare e, se troppo densa, allungare con un po’ di acqua di cottura.
Scolare la pasta. Disporla nei piatti, condirla e aggiungere i gherigli di noce tritati grossolanamente per dare quella croccantezza che ora viene richiesta nelle preparazioni culinarie.